Il vecchietto tremolante – Incontro di periferia con sorpresa

Tornavo da una giornata di braciolate al Boscoincittà, dalle parti di Trenno. Ero alla fermata, aspettando un qualcosa che mi riportasse verso casa, quando è arrivato un vecchietto, camminando piano piano e appoggiandosi, quando possibile, alla banchina, o al muro. Tremava tutto, il vecchietto; forse aveva una qualche forma di parkinson. Mi sono messo a guardarlo, un filo preoccupato: dubitavo che avesse lo slancio necessario per mollare la banchina e atterrare sul pullman.

Così, quando il pullman è alla fine arrivato, l’ho praticamente issato e ce l’ho messo sopra.

Lui mi ringrazia molto della mia gentilezza. E come ricompensa mi appioppa un libro che ha scritto lui, con tanto di firma tremolante. Il vecchietto mi comunica che è un libro di poesie (“Ahia” penso io, che sono pieno di preconcetti verso chi “scrive poesie”). Mi dice anche che è un poeta conosciuto. Che usa uno stile ermetico. Che è anche pittore. Che i suoi quadri sono stati esposti alla triennale.

Ah ah, dico io.

Scendiamo vicino ad un orrendo centro commerciale. La moglie è venuta a prenderlo con la macchina, e la cosa mi rassicura.

Mi ringrazia ancora.

Lo saluto.

Nel viaggio verso casa do uno sguardo al suo libro.

E’ pubblicato Mondadori.

Ok. Ok. Forse vale la pena dargli una letta.

 

UNA FORMICA

Inutile

riaprire

cantieri,

innalzare torri,

sfidare il Dio

 

Inutile

rischiare

babeliche

implosioni

della lingua,

e l’ascesa

che muta

in caduta

 

Una formica già lo sa,

che il cielo

comincia

ad un millimetro

da terra.

“Bella!” penso. “Cazzo bella!”

Nel tragitto verso casa divoro il libro. Riguardo il nome dell’autore: nella mia abissale ignoranza, non lo conosco. Ho il cell scarico. E quindi devo aspettare che il pullman infinito mi riporti in Bovisa per accendere il computer, andare su internet, e cercare “Tonino Milite”.

 

Tonino Milite

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Tonino Milite (Tirana, 1942Milano) è un pittore e poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò a Milano presso l’Accademia di Brera di Milano, negli anni settanta iniziò la sua carriera come illustratore e divenne collaboratore di Bruno Munari. Nel 1997 pubblicò il suo primo libro di poesie “Dubi ti amo”[1] e nel 2001 Garzanti pubblica una sua opera sulla copertina del libro “Il Novecento” della “Storia della letteratura italiana”. Dall’anno 2000 ha esposto le sue opere pittoriche presso il Salone d’onore della Triennale di Milano, l’università Bocconi, il Mart di Rovereto, il Museo d’Arte Città di Lugano e Palazzo Sormani di Milano[1].

Le sue opere trascendono la tradizione per approdare in un mondo molto particolare, che è parzialmente legato alla realtà e parzialmente legato alla fantasia in un miscuglio di colori, sensazioni, emozioni che si completano a vicenda, rincorrendosi come le note che compongono un’armonia. [2]

Sposato con Gemma Capra, la vedova del commissario Luigi Calabresi, ha cresciuto i figli di essa, tra cui il giornalista Mario Calabresi[3], che ha intitolato uno dei suoi libri, l’autobiografico Spingendo la notte più in là, con un titolo di una poesia di Milite[4].

Ha inoltre ideato nel 1981 la bandiera arcobaleno simbolo della pace[5].

 

Insomma, altro che vecchietto suonato.

Adesso è qualche anno che il suo libro è nel nostro bagno, sulla lavatrice. Prima che mi accusiate di lesa maestà sappiate che la lavatrice è il posto d’onore dei libri, nella mia casa. E’ dove io e i miei coinquilini mettiamo e condividiamo i grandissimi, per usufruirne in modo comune, e magari incrociarci in corridoio e  dirci

“Oh fico Walt Whitman, per andare in bagno è grandioso!”.

“Vero? Dico anch’io.”

Adesso per esempio c’è Propp, c’è passato Joyce. E sì, il libro di Tonino Milite si è un filo arricciato per l’umidità, ma la dedica si legge ancora.

IMG_20160430_143356

Grazie a te, Tonino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...