I Pokemon della Bovisa

Ho scoperto che Bovisa ha dei pokemon che non esistono in nessuna altra parte del mondo.

Nonostante il mio trasloco diluito (tre pacchi alla volta), i vani tentativi di allacciare il gas (“Ecco tutta la documentazione.” “Bene ma ce la deve inviare parte via fax” “MA SONO QUI DAVANTI AL TUO CAZZO DI SPORTELLO HO PRESO UN PERMESSO DAL LAVORO MI SPIEGHI PERCHÉ TE LA DEVO INVIARE VIA FAX E POI PERCHÉ VIA FAX CHE SIAMO NEL 1800 VUOI CHE TI MANDO UN PICCIONE VUOI CHE TE LO DETTO IN CODICE MORSE va bene mi calmo mi scusi signorina ve la mando via fax come se gli ultimi 50 anni di progressi tecnologici non siano mai esistiti va bene” “Gentile cliente, abbiamo ricevuto la sua documentazione ma è incompleta, deve infatti precisare dove il tubo…” “GONFI DOVETE MORIRE, AVETE CAPITO, GONFI!”)…

Mi sono perso. Dov’ero?

Ah sì. Dicevo: Nonostante il mio trasloco diluito, i vani tentativi di allacciare il Gas (“GONFI! VI RIGO LA MACCHINA!”) e non da ultima la frenesia lavorativa che ti prende quando stai per andare in ferie, ho trovato comunque il tempo di scaricare e provare la hit del momento, Pokemon Go, e di andarmene in giro per la Bovisa, periferia di Milano, a caccia di Pikachu e della sua allegra compagnia di mostriciattoli digitali.

E qui ho fatto una scoperta eccezionale. Bovisa non ha i Pokemon del resto del mondo, no. Ad esempio, in qualsiasi altro posto del mondo, all’inizio del gioco, Pokemon Go ti propone  di scegliere tra Charizard, Squirtle o Bulbasauro.

Io invece ho trovato subito un Elenasauro selvatico.

Elenasauro

Naturalmente l’ho immediata catturata, e, con il suo supporto, ho potuto andare a caccia degli affascinanti Pokemon della periferia di Milano.

Ad esempio Portaspassoilkan, un pokemon che si può incontrare anche nelle più tarde ore della notte

Portaspassoilkan

Maghrebin, il pokemon che telefona in arabo (scusate la foto mossa ma ho tirato  male la pokeball e mi è sfuggito):

Maghrebin

Nontechno, il vecchietto che ti chiede di telefonare alla moglie con il suo cellulare, e che si stupisce quando non sai che sua moglie si chiama Veronica(lui l’ho lasciato andare, perché con tutta la fatica che ha fatta per telefonare alla sua Veronica, mi sembrava una cattiveria catturarlo).

Nontechno

Duopall, un pokeman a due teste che si aggira nelle calde sere estive guardando vetrine, e prendendo un gelato.

Duopall.jpg

E infine Nonnin, un pokemon anziano e benevolo che veglia sui giovani pokemon Nipotin, intenti a tirarsi una sfera con i piedi.

Nonnin

L’elenco potrebbe essere infinito, ma credo di aver chiarito il concetto che o il mio cellulare funziona male, o a Bovisa vivono creature straordinarie, non presenti in nessuna realtà virtuale o aumentata.

Ora, io ho sentito molte critiche su Pokemon Go, molte delle quali ho trovato facilone e un po’ snob. E’ un gioco che ti porta fuori casa, a scoprire punti del tuo quartiere e della tua città che magari non avresti mai visitato, e questo non può non essere una cosa buona.

Basta che ci ricordiamo che anche la realtà non aumentata può essere meravigliosa.

 

 

 

Annunci

Lascio Bovisa

4917111_orig

Sì. Lascio Bovisa. Il quartiere che mi ha accolto ormai 6 anni fa. Il quartiere che ho vissuto, amato, difeso, criticato. Il quartiere che mi ha visto condividere birre in piazza schiavone, che mi ha abbracciato alla fine di interminabili rientri notturni in 90, che io emigrato ho chiamato casa.

Lascio Bovisa, dove sono felice come non lo ero mai stato. Dove sono stato innamorato. Dove sono stato disperato.

Lascio Bovisa, dove ho fatto il mio primo tatuaggio. Lascio Bovisa, dove ho cercato di essere adulto, come un bambino che si infila le giacche del padre. Lascio Bovisa, che mi ha ricongiunto con una delle parti più primitive, ingombranti e vere del mio essere: quello di esplorare, quello di raccontare.

Lascio Bovisa, dove ho ballato in cucine troppo piccole. Dove ho passato lunghe serate in compagnia di birre del penny, serie televisive e qualche amico.

Lascio il gasometro, ancora convinto che con le luci giuste potrebbe essere più bello della Torre Eiffel.

Lascio la margherita a 3 euro e 50 di Heidi, l’hot dog a due euro di Bovisa Kebab, il bicchiere di vino alla Scighera, la pasta alla Carrettiera, il gelatino buonissimo di Mi Sciolgo.

Sto andando in centro, vi chiederete? No. Vado lontano? Niente affatto. Percorrerò ancora spesso le strade della Bovisa, che tanto mi hanno dato da raccontare? Certo.

“E allora cos’è questo piagnisteo?” dirà qualcuno.

Sto andando ad Affori, dove, da venerdì, ho una casa che per la prima volta posso chiamare mia. Non dei miei genitori, non in affitto: mia.

E sì, Affori è ad un metro da Bovisa, ma le distanze sono più nella mia vita che nei chilometri.

“Dove vivi?”

“A Bovisa” ho risposto per cinque anni, trattenendomi ogni volta dall’aggiungere “Che è un posto spettacolare, dicotomico, una borgata paesana in bilico sulla periferia, un luogo in equilibrio precario sulle possibilità molteplici di ciò che può diventare; è il posto che mi ha insegnato a vedere il meraviglioso in ciò che è sotto i nostri occhi tutti i giorni, a incontrare la bellezza in un disegno sul muro, a scoprire una storia in un foglietto lasciato per terra. Io non vivo a Bovisa, io vivo Bovisa, io adoro Bovisa, mi ha costretto a scrivere un libro su di lei, Bovisa.”

E ora sono ad Affori, affacciato sul balcone della mia casa vuota. C’è un grosso palazzo in costruzione, proprio davanti a me. Sulle sue impalcatura sono appesi striscioni che mostrano la meraviglia che potrebbe diventare, ma i lavori vanno a rilento, e per ora è mattoni rossi a vista, cemento, e gru al vento. Ho parlato con qualcuno e mi hanno accennato a soldi finiti, a muratori solitari che eseguono saltuariamente lavori da formica, ed è ora incerto se la costruzione manterrà mai la promessa di ciò che poteva diventare. A volte mi sento anche io un po’ così.

Eppure sono contento. Sono più che contento: sono ad un nuovo inizio. Come questa casa vuota, questo luogo e i giorni che ho davanti sono ricchi di possibilità. Sarà splendido, penso, essere e vivere ed scoprire questo luogo nuovo, questa vita nuova.

Dopotutto, sono uno che esplora, sono uno che racconta.

 

 

Vandali: Elis Mal e il ponte della Ghisolfa

Sotto il ponte della Ghisolfa vedo una ragazza.

IMG_20160702_161038

Io sono in macchina, e la vedo con la coda dell’occhio. Penso: punkabestia. Forse vagabonda tedesca, in cerca di riparo dalla pioggia perennemente incombente di questi giorni monsonici. Guardo meglio: è giovane e carina, e soprattutto un po’ troppo curata, un po’ troppa precisa per una che si è fatta baciare dai marciapiedi d’Europa.

E poi noto delle bombolette.

E una lunga asta con in cima un pennello.

Ho beccato una writer mentre sta disegnando.

Accosto, accendo una sigaretta, e mi dirigo verso di lei. Lei mi squadra, e con tono accusatorio mi chiede

“Sei tu?”

“Sono io?” rispondo.

IMG_20160702_160920

“Sei tu che m’hai coperto il pezzo? Scusa ma con tutte le colonne libere dovevi proprio coprire il mio?”

“Aspetta” rispondo “io non sono io.”

Spiego che non sono un writer stronzo, ma solo un tipo bizzarro che guarda e racconta. A supporto delle mie parole faccio vedere l’intervista che ho fatto alla crew dell’E-Team.

Si calma e si gira una sigaretta, guardando il muro appena imbiancato.

“No perché” mi spiega “qua avevo fatto una medusa, che era anche un saluto ad una persona che passava sempre di qua, e ieri notte mi hanno mandato un messaggio che me l’avevano coperta. Quindi son corsa, ora ho passato il bianco, e ne devo fare una sopra io per forza.”

“E scoprire dove abita, e che macchina ha, immagino” rispondo io.

Ride. “No quello no! Però non si fa. Non si copre un lavoro di un altro, fatto e finito. Senza motivazione. È uno sfregio gratuito. Ed a parer mio una mancanza di rispetto verso il lavoro di un altro.”

“Capisco. Oh dimmi se ti sto facendo perdere tempo.”

“No tranquillo, tanto il bianco si deve asciugare.”

Si gira una sigaretta. Anche io ne infilo in bocca un’altra.

“Rifarai la medusa?” chiedo.

“No.” mi risponde “Io non faccio quasi mai figurato, faccio astratto” e preso il cellulare mi mostra il suo profilo di Facebook, dove tutto è un complicato intrecciarsi di linee che deve prendere ore per essere realizzato.

13532767_1778922742394887_3086332395487623142_n

11705225_1638300256457137_6723304032785780891_n13528680_1777267045893790_161914125848597690_n

“Per me è una specie di mantra.” mi spiega “Erano gli scarabocchi che facevo sui quaderni quando mi annoiavo. E poi ho continuato a farli, solo su tela, o su muro. Più su tela in effetti, non faccio molto graffiti. Che poi per quanto riguarda i muri ho iniziato non da moltissimo, sarà un anno e mezzo.”

“E come hai cominciato?”

“Tel’ho detto con i quaderni delle medie.” mi risponde

13512037_1777755722511589_5157340177787346778_n.jpg

“In seguito ho fatto un laboratorio teatrale di integrazione sociale, per ragazzi abili e diversamente abili. E un giorno una persona, che stava trasformando in una casa il locale seminterrato di un ex rivenditore di moto, ha visto uno dei miei disegni e mi ha chiesto di affrescarglielo. Folle. Poi ho tanti amici che disegnano e ho iniziato a dargli una mano, mi facevano fare delle piccole parti, una cosa tira l’altra ed eccomi qua. Ripeto, in realtà io faccio soprattutto tela, e muri legali.”

13412226_1766922036928291_5636751758687088546_o

“Muri legali?” chiedo.

“Sì, non te l’hanno spiegato i ragazzi dell’E-Team?” si sorprende. “Pisapia ha definito e mappato i muri liberi di Milano, dove era legale disegnare. Facendo nascere un casino tra l’altro.”

“Perché? Non è meglio?”

“Sì certo.” mi risponde. “Solo che hanno cominciato a disegnare un sacco di ragazzi che non conoscevano la cultura, su muri che storicamente erano di alcune crew. Insomma ne è venuto fuori un bel casino, e pure qualche sberla.”

Guarda il muro bianco, butta la sigaretta e la schiaccia sotto il piede.

“Meglio che inizio. Sono anche senza scala, guarda che mi son dovuta inventare” e mi mostra il bastone telescopico con in cima un pennello legato con lo scotch.

IMG_20160702_160927

“Però non potevo fargliela passare liscia.” aggiunge.

“Ma scusa” chiedo “se è tutto questo casino, non puoi lasciare semplicemente il muro bianco? Vendetta è già compiuta, no?”

“Massì.” mi fa lei, intingendo il suo telescopico pennello nella vernice arancione.”È che voglio disegnare, dato che ci sono. Sennò potevo anche scriverci TOY sopra e basta.”

Toy?”

“Come te lo spiego? E… come un finto writer, uno che si atteggia solo a writer.”

“Senti, ma tu come ti chiami.”

Elis Mal.

“Ti posso chiedere una cosa?” domando infine “Io sto facendo una rubrica sul mio blog che si chiama Vandali, dove scopro e intervisto writer. Posso usare queste due chiacchiere per scrivere un pezzo, magari fare due foto?”

“Certo” mi fa lei,  “Ma se questo disegno viene una merda non mettere la foto, per favore!”

Voi che dite?

IMG_20160703_174712.jpg